Unique woven jewels handmade in 925°° Silver and Silk plated in gold, rodhium, ruthenium. Made in Italy following renaissance ancient technique

Follow Me

+39-06-68210407

Blog

I gioielli tra superstizione e credenze popolari

La notizia mi aveva colta di sorpresa, certo: la mia cara amica che decide di fare il grande passo e si sposa! E contro tutte le previsioni di noi povere “sfidanzate”, peraltro, ma non è questo l’argomento del post: ad avermi affascinato nei giorni a seguire fu la danza di superstizioni e scaramanzie che amici e parenti iniziarono a crearle intorno, in un gioco di suggestioni anche divertenti a cui fu difficile rimanere distanti!

E così serviva qualcosa di blu, anzi qualcosa di vecchio, e qualcosa di prestato, presupposti validi poi per  degenerare le conversazioni sulla scelta della chiesa, dello stile dell’abito o della fede nuziale… ma si sa, noi italiani, soprattutto se del profondo Sud, preferiamo arginare preventivamente la sfiga piuttosto che beccarci le conseguenze di un rito incompiuto.

E, quando si tratta di matrimonio, la faccenda si fa seria. Veniamo a noi. Nozze e gioielli: quali sono le credenze popolari ancora in voga? Esiste tutta una serie di riti scaramantici che sembrano ancora rigorosamente rispettati.

La credenza più classica riguarda le perle, che rappresenterebbero le lacrime: ecco perché non devono essere mai regalate alle spose, è consentito invece darle in prestito. Porta sfortuna acquistare nello stesso momento anello di fidanzamento e fedi nuziali, ed effettivamente mi sembra un tantino di cattivo gusto. L’acquamarina indossata il giorno del matrimonio, invece, apre le porte alla felicità e assicura un’unione duratura. E lo speriamo tutti, visto il vertiginoso incremento dei divorzi di questi ultimi anni. Il diamante può essere portato il giorno del matrimonio, ma deve essere indossato o al polso sinistro o all’anulare destro: in questo modo, si dice, la coppia vivrà dentro una nuvoletta di felicità e amore, la cosa essenziale è che sia stato un regalo.

Che poi uno, dopo il matrimonio, si dice “ora saranno finalmente finiti i riti scaramantici!”. No, manco per sogno! Perché se arrivano i figli si ricomincia di nuovo. Per quanto riguarda i regali da fare ai piccoli in fasce, infatti, abbiamo un intero catalogo di fantasiose ma affascinanti credenze. In molte parti d’Italia si regala ai bambini appena nati il corallo rosso come simbolo di buona fortuna, mentre dalle mie parti, in Sardegna, si usa donare il classico braccialetto in corda verde e chiusura in oro giallo. In passato, invece, si regalava “su coccu”, un ciondolo-amuleto in ossidiana nera che veniva appeso nelle culle dei bambini in modo da scacciare il malocchio e tutte le energie negative. Ho letto poi di un’antica e bizzarra usanza del Friuli, dove le balie erano solite appuntare nel corsetto, molto vicino al capezzolo, tre perle bianche, in modo da rendere abbondante la produzione del latte.

Ma l’associazione tra gioielli e scaramanzia non si ferma di certo ai matrimoni e alle nascite. Alcune credenze, oggi, fanno senza dubbio sorridere, e io che non sono superstiziosa faccio fatica a rispettare  certe “regole”, se così le vogliamo chiamare. Recentemente mi è stata regalata una meravigliosa spilla d’epoca, ma la credenza popolare dice che non è possibile donare questo tipo di oggetti (che pungono e quindi portano dolore) a meno che il ricevente non offra qualche soldo in cambio. L’imbarazzo è nato nel cercar di capire quanti soldi avrei dovuto dare per non essere colpita dalla sfortuna: la storia della spilla che punge mi aveva affascinato. Sembra che se il ricevente è un bambino appena nato la persona che fa il regalo è costretta, masochisticamente, a pungersi con il gioiello.

Nessuno può dire quanto ci sia di vero in queste credenze quel che è certo è che, in un’epoca di forte crisi, sociale e morale, mantenere un legame con certe credenze popolari può solo far bene all’umore. Un modo come un altro per prenderci in giro. E per riderci su. Evviva gli sposi!

Siamo lieti di presentare la nostra Nuova Collezione….